ERBE - TÈ - TISANE

Speciali

Prodotti visti

Nuovi prodotti

Tarassaco radice

0526

Costituenti Principali: Glicosidi amari: tarassacina, tarassacerina (la prima poco solubile in acqua...

Maggiori dettagli

5,50 €

Dettagli

Tarassaco - radice 100 g

Nome Comune: Tarassaco

Altri nomi: Dente Di Leone, Soffione, Piscia A Letto, Capo Dl Monaco, Pisciacane, Cicoria Di Campagna, Cicoria Asinina, Insalata Matta, Bofarella, Girasole Di Jpra', Ingrassa Porci, Radichielle, Castracani.

Nome Botanico: Taraxacum officinale

Famiglia: Asteraceae

Parte utilizzata: radice

 

Erbe Salus in Erbis

 

Costituenti Principali: Glicosidi amari: tarassacina, tarassacerina (la prima poco solubile in acqua, la seconda insolubile in acqua); triterpeni tetraciclici: alcole triterpenico: taraxasterolo, B-amirina; fitosteroli: sitosterolo, stigmasterolo: polisaccaridi del fruttosio 18%: inulina 2% in primavera e 40% in autunno, levulina, mucillagini 1,1%; flavonoidi: apigenina -7- glucoside, luteolina -7-glucoside: acido caffeico; coroteni; xantofille; vitamine del gruppo B e C; provitamina A; colina; protidi; sali minerali (potassio 4,5%, calcio, sodio); acido salicilico; resina; acidi grassi; tannino in tracce; olio essenziale in tracce; lipidi con molti grassi insaturi: aminoacidi (asparagina, arginina); alcaloide tarassina, su pianta fresca.

 

Modalità di preparazione: Versare in un recipiente 200 ml circa di acqua e un cucchiaio di tarassaco. Portare a ebollizione e bollire per 10 minuti. Spegnere e lasciare in infusione per 10 minuti (mescolando di tanto in tanto), filtrare, dolcificare a piacere.

Modalità d'uso: Da 1 a 3 tazze al giorno lontano dai pasti.

Erbe Salus in Erbis


Bibliografia:
Piante officinali per infusi e tisane - Edizione Italiana del manuale di Max Wichtl a cura di R. Della Loggia.



Le nostre erbe sono confezionate in atmosfera protettiva o in sottovuoto per preservare dall'ossidazione i principi attivi naturalmente contenuti nella pianta. Generalmente preferiamo il confezionamento in atmosfera protettiva (anche se più oneroso), rispetto al sottovuoto, principalmente perchè quest'ultimo risulta molto aggressivo sulle piante più delicate.